ARCHIVIO VECCHIE VELE


028 A.

FRATELLI BEVERINO

GLENORCHY - CAVALIERE LAURO - ITALIA

ELENCO ALFABETICO VELIERI

Epoca della foto: anno 1905 circa Foto: nel porto di Genova

Origine: "Carrette", Cap. Pro Schiaffino, Nuova Editrice Genovese, Genova 1996

autore: Marcello Bozzo NOTE:  bozzo@agenziabozzo.it

La nave a palo Fratelli Beverino fu costruita nel 1882 a Sunderland dai cantieri Sunderland Shipbuilding Co. per L.H. McIntyre & Co., Liverpool, con il nome di Glenorchy.

Varata nell'agosto 1882.

Scafo in ferro, stazzava 2.229 tonnellate.

Lunghezza 85,51 m, larga 12,80, immersione 7,51.

Stazza lorda 2229 t, netta 2149 t.

Nel 1893 fu venduta alla Società C.T. Bowring di Liverpool.

Nel 1898 fu acquistata dalla società di navigazione Fratelli Beverino di Genova che la ribattezzò Fratelli Beverino e ne assegnò il comando al Cap. Marselli con il quale fece molti viaggi in Cile, ed in uno di essi fece Caleta Buena - Genova via Capo Horn in 101 giorni.

Il 3 marzo 1902 ne assunse il comando il Cap. Pietro Colotto e lo tenne per 92 mesi consecutivi sempre nei viaggi del Pacifico.

Ne cedette il comando il 31 agosto 1909 a Genova al Cap. Longobardo quando la nave fu venduta a Gioacchino Lauro di Castellamare che le diede il nome di Cavaliere Lauro.

Il Capitano Pietro Colotto si ritirò dal mare e morì a Ruta di Camogli nel 1917.

Per il nuovo proprietario la nave partì per Newcastle (A) dove giunse in 118 giorni di navigazione. Carica carbone per Tocopilla dove, scaricato il carbone, carica nitrati per l'Europa.

Nel 1913 Cavaliere Lauro fu venduta ad A. D'Esposito di Castellammare e fu ribattezzata Italia.

Il 1° luglio 1915 di ritorno a Marsiglia dal Cile, fu investita a Cabo de Gata (Almeria, Spagna) dal piroscafo Atlantide ed affondò.

Altre immagini della nave a palo Fratelli Beverino alle schede 095A, 997A, 998A.

ELENCO ALFABETICO VELIERI