ARCHIVIO NAVI A VAPORE

Click per ingrandire

249 B.

SAVOIA (II░)

Click per ingrandire

Epoca della foto: 1░ settembre 1923 Fotografo: sconosciuto

Origine: Archivio Storico della Marina

autore: Marcello Bozzo  NOTE:  bozzo@agenziabozzo.it

Varo del piroscafo Savoia (che chiameremo II░ per non confonderlo con il precedente panfilo reale avente lo stesso nome).

Venne registrato come Regia Nave Sussidiaria di Seconda Classe.

Prua stellata, due alberi e due fumaioli.

Impostato nel cantiere del Regio Arsenale della Spezia il 5 maggio 1921 e costruito dalla Cooperativa Costruzioni Navali, fu varato il 1░ settembre 1923.

Era destinato a nave passeggeri per la Home Line.

Soppressa la Compagnia, fu riallestito nel cantiere di Palermo come yacht reale ed iscritto nel Registro Navale della Regia Marina il 27 maggio 1923.

Dislocamento 5.280 tonnellate. Lunghezza metri 136,50. Larghezza metri 15. Immersione mt. 5,43.

Motore costruito dallo Stabilimento Ansaldo di Genova su licenza Parsons costituito da due gruppi di turbine con otto caldaie a tubi d'acqua a combustione liquida con sistema di ricupero Howden che muovevano due eliche provviste di riduttore di velocitÓ su entrambi gli assi.

Potenza ufficiale: 12.000 hp/asse.

Potenza effettiva in prove di macchina: 15,500 hp/asse per una velocitÓ di crociera di 23 nodi.

Essendo una nave militare, fu armato di quattro cannoni da 76/40 e due mitraglie.

Fu consegnato alla regia Marina nel luglio 1925.

Nei successivi quindici anni fu utilizzato per visite di Stato e di rappresentanza del Re.

Non fu mai utilizzato per attivitÓ bellica.

L'8 settembre 1943 fu posto in disarmo nel porto di Ancona.

Il 14 settembre 1943 venne requisito dai tedeschi.

Il 19 luglio 1944 un'incursione aerea alleata lo affond˛ nel porto di Ancona.

Fu radiato dal Registro delle Navi Militari il 27 febbraio 1947, poi recuperato e demolito.

Altre immagini del Savoia (II░) alle schede  250B, 251B, 252B, 253B, 371B, 482B.

ELENCO ALFABETICO PIROSCAFI