ARCHIVIO NAVI A VAPORE


 


563 B.

IANO
WILH. HEMSOTH
PENTEIFI
KULDIGA
PREUSSISCH HOLLAND
BELTYNE
JANO


 
Epoca: 1957 c Fotografo: sconosciuto
Origine: cortesia di Mrs. K. Wheeler

autore: Marcello Bozzo  NOTE:  bozzo@agenziabozzo.it

La nave mercantile Iano in navigazione.

Venne costruita nel 1908 dal cantiere Nordseeerk Emder Werft & Dock Aktiengesellschaft di Emden, Germania.

Stazza 2027 tsl, 1244 tsn.
Lunghezza 85,70 m.
Larghezza 11,95 m.
Immersione 5,48 m.

Propulsione:
1 motrice a vapore a triplice espansione, 3 cilindri 460, 790 & 1270 x corsa 890 mm. Potenza 149 HP nominali. Costruzione Ditta Eiderwerft A.G., T÷nning.
Dotata di impianto elettrico.

Armatori:

1908 See und Kanalschiffahrt Wilhelm Hemsoth A.G., Emden.
         Nome
Wilh. Hemsoth.
         Bandiera tedesca.
         Cap. O. Fiume 1908.

1915 Wilhelm Hemsoth A.G., Emden.
         Cap. Fecker 1915.

1916 Sequestrata a Libau (ora Ljepńia, Lettonia)
occupata dai tedeschi.

1917 Restituita all'armatore
Wilhelm Hemsoth A.G., Emden.
         Portata ai lavori, aument˛ la stazza a 2017 tsl, 1544 tsn.

1920 Requisita dal Governo britannico, affidata al The Shipping Controller (F.H.
         Lumber Barnett & Co., managers)
, Londra.
         Bandiera britannica.

1921 ceduta alla Pentwyn Steam Ships & Co. di Londra.
         Ribattezzata
Penteifi.
         Installata radio ricetrasmittente.

1924
Pentwyn Steam Ships & Co. (F.H. Lumber Barnett & Co., managers), Londra.
         Nome invariato.

1930 Steamship Co. Latvian-Belgian Line Ltd. (Seeberg Bros. managers), Riga, Lettonia.

         Rinominata
Kuldiga.
        
Bandiera lettone.
        
1947 A. Seeburg manager, Germania (assegnazione provvisoria).
         Ribattezzata
Preussisch Holland.
         Bandiera tedesca.

1947 Ministero Britannico dei Trasporti (William Mathwin & Son Newcastle Ltd.,
         managers), Londra.
         Ripreso il nome
Kuldiga.
         Bandiera brutannica.

1956 Beltyne Shipping Co., Ltd.,
William Mathwin & Son Ltd., Newcastle.
         Rinominata
Beltyne.


1957 Zannis Compa˝ia Naviera S. A., Massaua, Eritrea (occupazione etiopica).
         Rinominata
Jano.

1957 Il 4 novembre il cargo Iano, di 2500 tonnellate, si trov˛ di fronte a una tempesta
         nelle acque
inglesi del Canale della Manica. Il comandante decise di rifugiarsi e
         gett˛ le ancore nella Baia di Sandown
, Isola di Wight.
        Causa forti ondate e fondo sabbioso le ancore non agguantarono ed ararono il
        fondale. La nave scarrocci˛ sino ad arenarsi con la fiancata parallela alla costa tra
        Sandow e Culver Cliff nei pressi di Yaverland
, a soli 50 metri dalla riva.
        Un primo tentativo di trarre in salvo l'equipaggio lanciando cime a bordo da parte
        degli abitanti del luogo non ebbe buon esito a causa del fortissimo vento. Infine
alle
        prime ore del mattino con un lanciasagole venne
sparata una cima a bordo e
        collegando la cima ad una scialuppa, in tre viaggi
furono sbarcati ventisei dei trenta
        membri dell'equipaggio.
        Gli altri quattro rimasero a bordo per non
abbandonare la nave e predisporre
        l'imbarco dei materiali necessari  ai lavori di riparazione.

        Il giorno seguente, calmandosi la tempesta ed abbonacciandosi il mare, si procedette
        con un bulldozer allo scavo di una trincea creando un canale nella sabbia che le onde
        avevano ammucchiato attorno alla nave.
        Nel successivo innalzamento della marea la  potÚ nuovamente liberarsi dalla morsa
        della sabbia e galleggiare liberamente, tornando a navigare.


1959 Navig˛ ancora per due anni, dopo di che venne avviata alla demolizione.

Altre immagini della nave Iano alle schede 600B, 601B.

ELENCO ALFABETICO PIROSCAFI